From World Dance Movement to Sidi Larbi Cherkaoui’s Eastman Company

18 Oct

Enjoy this interview with WDM dancer Verdiano Cassano, who was chosen by world-renowned choreographer Sidi Larbu Cherkaoui to perform in one his company’s performances in Italy this past September.

43217198_309273039899821_1666253328650076160_n

Ph: Mariagrazia Proietto. Gala Performance @ WDM Italy, Castellana Grotte (BA)

WDM: You recently had the opportunity to perform with Sidi Larbi Cherkaoui’s Eastman company at Teatro Regio in Torino. How did you connect with him and how was the experience?

Verdiano: Last September I performed in the evocative setting of the Teatro Regio of Turin in “Icon“, a 2016 production choreographed by Sidi Larbi Cherkaoui. It was a very emotional professional experience, an opportunity for personal and artistic growth but above all a unique honor.

I was lucky to meet Sidi Larbi during the third week of WDM Italy last July, and I am obviously grateful to Michèle Assaf and WDM who as, every year, through this international festival, they offer fantastic opportunities to the dancers who participate.

Not even a month later, Sidi Larbi contacted me asking if I was available to replace one of his Eastman‘s dancers, the company (based in Antwerp, Belgium) that he founded and directs. Without thinking twice, in the grip of a thousand emotions, with a last-minute suitcase and perhaps a bit of unconsciousness, I took a flight to Brussels and the next day I was already in the rehearsal room.

Never having experienced an experience like this before, I learned what it means to play the role of a dancer in an already existing show: a real race against time. At the same time, the possibility of sharing the rehearsal room first and the stage later, with such talented professional dancers, was an extremely positive and stimulating experience.

Being on stage on that occasion, in that theater, together with those dancers, dancing a piece by a contemporary and generous artist like Sidi Larbi, was something indescribable and indelible!

WATCH AN EXTRACT FROM “ICON” HERE.

WDM: Tell us more about his class at WDM Italy this past summer.

Verdiano: This year Sidi Larbi taught at WDM for the first time, during the third week: taking part in his workshop was an honor shared by all the dancers participating in the event, a stimulating path that led to the staging of a performance of great impact.

During his lessons the focus was immediately placed on learning choreographic sequences, expression of his style, his repertoire and his artistic conception. Even if it was our first experience with his work, through a detailed and in-depth study, Sidi Larbi was able to guide us in the creation of a piece of evocative and engaging contemporary dance, not only for the performers, but also for the audience.

43284016_327952737769557_6820873833776414720_n

From “Icon” – Eastman Company @ Teatro Regio, Torino (Italy)

WDM: You have been part of the WDM Family for several years. When did you first attend our dance festival and why have you kept coming?

Verdano: I remember very well the first year at WDM! On that occasion, even though I did not take part in the classes, I attended the final gala, when the gala still took place at the amphitheater of Annalisa Bellini’s Artinscena dance school.

I still remember the feeling I felt in front of the many performances of that evening: pure energy, enthusiasm, passion, adrenaline, but above all, lots of art, many dancers, many teachers and choreographers, many languages, many choreographic styles, many nationalities, all united in the same place, with the same goal, to share emotions through dance.

That’s why the following year I did not think twice about it and I began my experience that led me to become part of the WDM family.

WDM: Based on your experience, what makes World Dance Movement different from other dance events?

Verdiano: World Dance Movement, in my opinion, is not just a workshop, it is not just an international festival, let alone a dance event. It’s all this and much more, a 360-degree experience!

WDM allows you to travel, to study for one, two or three weeks with some of the most important and established teachers and choreographers in the national and international art scene, to talk with them and learn more about their experience.

It also allows you to meet dancers of other nationalities and share with them not only classes but also the free time in the unique and evocative setting of Castellana Grotte and the Puglia region; all this having, at the same time, the opportunity to take part in renowned auditions and castings, to dance pieces created by the choreographers during the classes and above all to win scholarships for workshops and events around the World!

I think you can not ask for anything better, try to believe it!

43335362_533325597129486_8141912148033929216_n

From “Icon” – Eastman Company @ Teatro Regio, Torino (Italy)

WDM: What advice would you give to a dancer join a World Dance Movement event for the first time?

Verdiano: Participating in WDM is a unique experience and for those who will do it for the first time, I want to tell them there is nothing to fear! The atmosphere during the workshop is of great serenity and sharing. Not surprisingly, WDM is now a large extended dance family!

The only advice I would give to those who have not yet partecipate is to come to Castellana Grotte  from July 7 to the 29th, 2019 to study hard, experiment, get involved in this inimitable experience!

WDM: What are your plans for the near future?

Verdiano: In the near future, the national tour of the musical “Romeo Giulietta Ama e Cambia il Mondo“, a show directed by Giuliano Peparini and choreographed by Veronica Peparini. I also want to explore contemporary dance in Europe and everything it has to offer.

____________________________________________________________________________________________

*** ITALIANO ***

Abbiamo il piacere di presentarvi una bella intervista con il danzatore del WDM Verdiano Cassano, che lo scorso Settembre è stato scelto dal rinomato coreografo Sidi Larbu Cherkaoui per esibirsi con la sua compagnia.

43219221_375446942995280_448440537557499904_n

Ph: Mariagrazia Proietto. Gala Performance @ WDM Italy, Castellana Grotte (BA)

WDM: Recentemente hai avuto l’opportunità di esibirti in “Icon” con la compagnia Eastman di Sidi Larbi Cherkaoui al Teatro Regio di Torino. Come sei entrato in contatto con lui e com’è stata l’esperienza?

Verdiano: Lo scorso Settembre mi sono esibito nella suggestiva cornice del Teatro Regio di Torino in “Icon”, creazione del 2016 con le coreografie di Sidi Larbi Cherkaoui. Un’esperienza professionale fortemente emozionante, un’opportunità di crescita personale ed artistica ma soprattutto un onore unico nel suo genere.

Ho avuto la fortuna di conoscere Sidi Larbi durante la terza settimana del WDM Italia lo scorso luglio, e di questo sono ovviamente riconoscente nei confronti di Michèle Assaf e del WDM che ogni anno attraverso questo festival internazionale offrono grandi opportunità ai danzatori che vi partecipano.

Così, neanche un mese dopo, Sidi Larbi mi ha contattato chiedendomi se fossi disponibile per sostituire uno dei suoi danzatori della Eastman, la compagnia da lui fondata e diretta, con sede ad Antwerp in Belgio. Senza pensarci su due volte, in preda a mille emozioni, con un valigia dell’ultimo minuto e forse un pizzico di incoscienza, ho preso un volo per Bruxelles e il giorno successivo ero già in sala prove.

Non avendo mai vissuto un’esperienza come questa in precedenza, ho imparato cosa voglia dire ricoprire il ruolo di un danzatore all’interno di uno spettacolo già esistente: una vera e propria corsa contro il tempo, ma paragonata alla possibilità di condividere la sala prove prima e il palco poi con danzatori professionisti del loro calibro, ovviamente ha assunto una connotazione positiva e stimolante.

Essere stato in scena in quell’occasione, in quel teatro, assieme a quei danzatori, con le coreografie di un artista contemporaneo e generoso come Sidi Larbi è stato per certi versi qualcosa di indescrivibile, ma senza dubbio qualcosa di indelebile!

PUOI GUARDARE UN BREVE ESTRATTO DI “ICON” QUI.

WDM: Parlaci un po’ delle sue lezioni al WDM Italy 2018.

Verdiano: Quest’anno Sidi Larbi ha insegnato per la prima volta al WDM, durante la terza settimana: prendere parte al suo workshop è stato un onore condiviso da tutti i danzatori presenti, un percorso stimolante che ha portato alla messa in scena di una performance densa e di gran impatto.

Durante le sue lezioni il focus è stato da subito posto sull’apprendimento di sequenze coreografiche, espressione del suo stile, del suo repertorio e della sua concezione artistica; nonostante si trattasse per tutti del primo approccio al suo linguaggio, attraverso uno studio dettagliato e approfondito, Larbi ci ha condotto alla creazione di una piece di danza contemporanea evocativa e coinvolgente, non solo per noi esecutori, ma anche per il pubblico presente.

43286997_272387886738114_1087061969283842048_n

From “Icon” – Eastman Company @ Teatro Regio, Torino (Italy)

WDM: Fai parte della WDM family da diversi anni. Quando hai partecipato per la prima volta al nostro festival e cosa ti spinge a continuare a partecipare?

Verdano: Ricordo molto bene il primo anno del WDM! In quell’occasione pur non avendo preso parte alle lezioni, ho assistito al gala conclusivo, quando ancora il gala si svolgeva presso l’anfiteatro della scuola Artinscena di Annalisa Bellini.

Ricordo ancora la sensazione che ho provato di fronte alle molteplici performance di quella serata: energia pura, entusiasmo, passione, adrenalina, ma soprattutto tanta arte, tanti danzatori, tanti insegnanti e coreografi, tanti linguaggi, tanti stili coreografici, tante nazionalità, tutti uniti in uno stesso posto con uno stesso obiettivo, ovvero condividere emozioni attraverso la danza.

È per questo che l’anno successivo non ci ho pensato due volte e così ha avuto inizio la mia esperienza che mi ha portato a diventare parte della famiglia del WDM.

WDM: In base alla tua esperienza, cosa rende il World Dance Movement diverso da altri eventi di danza?

Verdiano: Il World Dance Movement, a mio parere, non è solo uno stage, non solo un festival internazionale, ne tanto meno solo un evento di danza. È tutto questo e molto più, un’esperienza a 360 gradi!

Il WDM ti consente di viaggiare, di studiare per una, due o tre settimane con alcuni tra i più importanti e affermati insegnanti e coreografi nel panorama artistico nazionale e internazionale, di confrontarti con loro e apprendere qualcosa in più sulla loro esperienza.

Ti consente inoltre di conoscere danzatori di altre nazionalità e condividere con loro non solo lo studio in sala ma anche del tempo libero in una cornice unica e suggestiva come quella di Castellana Grotte e della Puglia; tutto ciò avendo allo stesso tempo l’opportunità di prendere parte ad audizioni e casting rinomati, danzare le creazioni coreografiche ideate dagli insegnanti durante le lezioni e soprattutto vincere borse di studio per stage e workshop in tutto il mondo!

Credo che non si possa chiedere di meglio, provare per crederci!

43206451_331309217603734_3272585558508961792_n.png

From “Icon” – Eastman Company @ Teatro Regio, Torino (Italy)

WDM: Quale consiglio daresti a un danzatore che desidera partecipare ad un evento del World Dance Movement per la prima volta?

Verdiano: Partecipare al WDM è un’esperienza unica nel suo genere e per chi dovesse farlo per la prima volta, non c’è nulla da temere! L’atmosfera che si vive durante lo stage è di grande serenità e condivisione, non a caso la WDM family oramai è una grande famiglia allargata!

L’unico consiglio che darei a chi non l’ha ancora fatto è di venire a Castellana Grotte dal 7 al 29 luglio 2019, di studiare sodo, di sperimentare, lasciarsi coinvolgere e trasportare in questa esperienza inimitabile!

WDM: Quali sono i tuoi programmi per il futuro immediato?

Verdiano: Nel futuro immediato si prospetta la ripresa della tournée nazionale dell’opera musicale “Romeo Giulietta Ama e Cambia il Mondo“, uno spettacolo con la regia di Giuliano Peparini e le coreografie di Veronica Peparini, e per il resto, c’è sicuramente la volontà e la curiosità di esplorare la realtà della danza contemporanea all’interno del panorama artistico europeo.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: