Archive | WDM Student Success Stories RSS feed for this section

A Magical Night at World Dance Movement Italy 2015.

10 Nov

Scorri verso il basso per leggere in Italiano.

At World Dance Movement Italy 2015 we had the chance to partake in a unique experience that moved us and made us understand even more the real meaning of dance and life. Martina Marcon is one of our most loving students who never misses a WDM class and observes  all the teachers and dancers with undivided attention and passion. Martina wrote us an inspiring letter (you will find an extract below). In the letter she expressed the desire to make dance her career by teaching and choreographing and so we decided to make her dream come true by giving her the opportunity to be on the stage and choreograph a pas de deux for two of our WDM dancers.

12025422_10201062170553968_746646652_n

Below you can read an extract from Martina’s letter. She explains what Dance means to her, but we think that her words are much more. They can be consider a true Dance Manifesto.

When I see someone dancing, I feel like I’m standing.

Dance is my life, because it is the only thing that makes me feel “normal”, like everybody else. My passion for dance was born in 2002 while watching an Italian TV show called “Amici di Maria De Filippi”. I could teach dance to dancers 13+. I cant teach younger dancers because I can’t demonstrate the steps, but I can talk to older dancers who are more familiar with the names of the steps and technique.

I love all dance styles, but ballet is my favorite. This dance style “makes my body free” and expresses everything I feel. I’ve been attending classes at a dance studio in Bolzano since 2009, my teachers Elisa and Anita are an example to me. Before I had to travel out of town to participate in a class and I couldn’t go very often, but now I get the chance to go three times per week. They don’t realize how much this means to me. I didn’t think I could be accepted so well in a dance studio because it is rare that a disabled person loves dance.

Dance is like air to me, like a drug, I can’t be without it. It’s the only thing that gives meaning to my life. If God told me: “You will be able to walk, but you can’t dance” I will answer: “No thanks, then I don’t need it.” I would only want to walk to dance, otherwise it’s ok to be like I am now. I get so annoyed when I see dancers who don’t put effort in what they do because I would give everything to use what God gave me if I was them. I would like them to realize that there are people like me who would like to dance but they can’t!

For those who were not there we are excited to show you a video of that special evening. You can also find our interview with Martina below. Enjoy!

Click on the image to watch the video.

Screen Shot 2015-11-10 at 11.54.11 AM

WDM: This year you had the opportunity to choreograph a piece for one of the WDM Italy Gala Performances. Tell us about this experience. 

Martina: The experience as a choreographer was beautiful. It was my first time, but I was not afraid. I felt like I always did that. I can not describe the emotion I felt when I was asked to do create a piece for the show. I accepted without even thinking about it for one second. The only difficulties that I encountered were: playing the music and communicating clearly with the dancers due to the fact that my speaking is not  fluid, but Patrizia Cribiori (WDM Dance Shop’s owner) assisted me with those issues. I also had some problems with one of the lifts that the dancers had to perform because I did not know how to explain to them how to perform it in a simple way, but with the help of Michèle Assaf I did. However, I did not want Michèle to see the piece before the show because I wanted it to be a surprise. At the end of the performance all the teachers complimented me. The fact that people with 30 years of career in the dance field recognized my work was extremely important for me.

WDM: You also had the chance to be one of the protagonists on the stage during one of the WDM Italy Gala Performances. How did it feel being on the stage? 

Martina: Dancing on the stage was amazing, even if it wasn’t my first time. It was a big emotion and I was honored. I was a little shaky because I didn’t want to disappoint anyone but at the end I was happy to see that they all appreciated what I did. I am very critical of myself when dancing even if I have physical limitations. I wish the audience could see me simply as a dancer, but I know it is difficult to see beyond my disability. Fortunately some people are able to see what I can do without worrying about my difficulties.

WDM: How would you describe WDM Italy to a dancer who has never participated in one of our events?

Martina: I have been in love with dance for 13 years. I participated in many workshops, but given the high level of the teachers and dancers, World Dance Movement is one of the few that I really think can help shape professional dancers. The workshop lasts three weeks, the faculty members expect much from the dancers because at the end of each week there is a performance. Dancers have to remember many pieces and it is an experience that demands hard work.  I have never seen a workshop that awards so many dance scholarships. WDM helps you transition to the professional dance world.  One of the things that makes WDM special, is the fact that the majority of dancers and faculty members stay at the same hotel. This allows the students to interact with the teachers, connect and network.

WDM: What piece of advice would you give to a student who would like to become a professional in the dance world? 

Martina: If you are trying to become a professional dancers, besides having the physical qualities that are generally required, you need to use your brain. Dancers that don’t use their head won’t be able to survive in the professional world. In Italy there are not many dance jobs and the majority are in Rome and Milan, so if you want to grow in this industry you need to be willing to travel. You might not have all the physical qualities; but you need to be able to compensate with your talent and hard work.

WDM: Tell us your dreams for the future.

Martina: I have been studying dance in a studio in Bolzano for 6 years and I hope that I will able to work in the dance industry one day. I understand that my disability might make people doubt about my capabilities, but I think that everyone deserves to have the possibility to show what they can do. You can’t judge a person before putting them to the test.

We hope you are inspired by Martina as much as we are. We can’t wait to dance with you at WDM Italia 2016! Castellana Grotte (Bari), July 10-31, 2016. You can choose one, two or three weeks. For more info please visit WDMItaly.com.

——————————————————–

ITALIANO

Al World Dance Movement Italia 2015 abbiamo avuto la possibilità di vivere un’esperienza unica che ci ha emozionato e fatto comprendere ancora di più il vero significato della danza e della vita. Martina Marcon è una delle nostre studentesse più affezionate. Non perde mai una lezione del WDM osservando con attenzione e passione ogni insegnante e danzatore. Durante la scorsa edizione del World Dance Movement Italia Martina ci scrisse una bellissima lettera (potrete leggere un breve estratto di seguito) in cui, tra le molte cose, ci espresse il desiderio di fare della danza la sua carriera insegnando e coreografando. Per questo motivo abbiamo voluto esaudire il suo desiderio dandole la possibilità di essere sul palco ma anche di coreografare un passo a due per dei danzatori del WDM.

Questo è un piccolo estratto dalla lettera. Martina spiega cosa la Danza rappresenta per lei, ma noi pensiamo che le sue parole abbiano un significato molto più profondo e che possano essere considerate un vero e proprio Manifesto della Danza.

Quando vedo danzare, mi sento in piedi

La danza è la mia vita, perché è l’unica cosa che riesce a farmi sentire “normale”, come tutti i miei coetanei. Questa passione per la danza è nata nel 2002 guardando la trasmissione “Amici di Maria De Filippi”. Vedendo Rossella Brescia sono rimasta impressionata dalla sua bravura. Nel 2004 ho avuto la fortuna di incontrarla. Potrei insegnare danza agli allievi dai 13 anni in su. A quelli più piccoli, non posso farlo, perché purtroppo sono impossibilitata a dimostrare le coreografie, ma a quelli più grandi basta solo che tu dica loro i nomi dei passi da eseguire e che gli vengano fatte eventuali correzioni.

Amo tutta la danza, ma lo stile che mi emoziona di più è la danza classica. Questo stile “libera“  il mio corpo ed esprime tutto ciò che provo. Dal 2009 frequento una scuola a Bolzano, le mie insegnanti Elisa ed Anita sono diventate un grandissimo punto di riferimento. Elisa insegna danza contemporanea ed è anche la direttrice della scuola ed Anita, insegna danza classica. Mi hanno dato la vita per la seconda volta, perché, prima per assistere alle lezioni di danza dovevo andare fuori città, quindi, andavo poco, mentre adesso vado 3 volte alla settimana. Non si rendono conto di quanto sia fondamentale. Non pensavo di essere accettata così bene in una scuola di ballo, perché, è raro che una persona disabile dalla nascita, ami la danza.

La danza è come l’aria, come una droga, quando non ce l’ho sto male. È l’unica cosa che dà un senso alla mia vita. Se Dio mi dicesse: “Ti faccio camminare, ma non potrai ballare”, gli risponderei: “No grazie, allora non mi serve.” Camminare mi servirebbe soltanto per poi poter ballare, altrimenti tanto vale rimanere così come sono. Mi dà molto fastidio quando vedo allievi che non si impegnano perché io farei di tutto per sfruttare le possibilità che Dio mi ha dato. Vorrei far capire a tutti questi ragazzi che c’è gente che come me vorrebbe farlo, ma non può!

Per coloro che non erano presenti abbiamo il piacere di presentarvi il video della serata e subito dopo la nostra intervista con Martina.

Clicca sull’immagine per visualizzare il video.

Screen Shot 2015-11-10 at 11.54.11 AM

WDM: Quest’anno ti è stata data la possibilità di coreografare un pezzo per uno degli spettacoli di gala del WDM Italia. Com’è stata questa esperienza?

Martina: L’esperienza come coreografa è stata bellissima. Era la mia prima volta, ma non ho avuto paura. Mi sembrava di averlo sempre fatto. Non so descrivere l’emozione che ho provato quando Michele me l’ha proposto. Ho accettato senza pensarci neanche un secondo. Le uniche difficoltà che ho trovato nel coreografare sono state: far partire la musica autonomamente ed il farmi capire dato che non ho un linguaggio fluido, ma per questo mi sono fatta aiutare da Patrizia Cribiori. Ho anche avuto difficoltà con una presa, perché non sapevo come spiegare ai ballerini quali erano i vari passaggi per farla al meglio, ma con l’aiuto di Michèle Assaf ce l’ho fatta. Non ho voluto che Michèle vedesse le prove prima dello spettacolo perché doveva essere una sopresa. Alla fine della performance gli insegnanti mi hanno riempita di complimenti. Per me è un grande orgoglio che delle persone con 30 anni di carriera in questo campo, mi abbiano fatto così tanti elogi alla mia prima esperienza. Il pensiero delle persone incompetenti per me conta poco, anche se mi fa piacere ascoltare la loro opinione. Per accrescere le mie competenze nella danza, ho bisogno del giudizio delle persone che lavorano in questo ambito.

WDM: Nello stesso spettacolo sei stata anche la protagonista in una delle coreografie presentate durante uno degli spettacoli di Gala. Cosa hai provato ad essere sul palco?

Martina: Ballare sul palco è stata un’emozione forte, anche se non era la mia prima volta. Per fortuna ho avuto altre possibilità di potermi esibire sul palcoscenico, ma è stata comunque una stupenda emozione, perché stimo molto Michèle ed avere ballato una coreografia sua è stato un grande onore. Ero agitata per la mia performance, invece, per la coreografia montata da me ero sicura del lavoro che avevo fatto. Mi sentivo in dovere di ballarla al meglio e non mi sarei mai perdonata se le avessi fatto fare una brutta figura. Per fortuna alla fine dello spettacolo, ho potuto constatare di averla resa felice anche ballando. Sono molto autocritica quando danzo, nonostante le mie capacità motorie siano limitate. Vorrei che il pubblico mi vedesse come una ballerina normodotata, anche se purtroppo per gli spettatatori è difficile andare oltre l’apparenza.

WDM: Se dovessi descrivere il WDM Italia ad un danzatore che non ha mai partecipato allo stage, cosa gli diresti?

Martina: Sono 13 anni che amo la danza e ho frequentato molti stage, ma il World Dance Movement dato l’alto livello degli insegnanti e degli allievi, è uno dei pochi che ritengo in grado di formare in maniera ottimale i ballerini. Il Workshop dura tre settimane, i coreografi si aspettano molto dagli allievi perchè ogni fine settimana c’è uno spettacolo. Devi avere memoria ed impegnarti molto se vuoi fare questa esperienza. Non ho mai visto uno stage che offre così tante borse di studio prestigiose. Se sei veramente meritevole, ti aiuta a far si che la danza diventi un lavoro. La cosa più bella per quanto mi riguarda è che la maggior parte degli allievi alloggia nello stesso albergo degli insegnati, quindi la sera ci si può fermare a parlare con loro.

WDM: Se dovessi dare un consiglio ad un/una ragazzo/a che sta cercando di diventare un professionista nell’ambito della danza, cosa gli/le diresti?

Martina: Se stai cercando di far diventare la tua passione per la danza il tuo lavoro, oltre ad essere dotata fisicamente, devi anche saper usare il cervello. Una ballerina che non usa la testa, non potrà mai diventare una professionista. In Italia lavoro ce n’è poco ed è nella maggior parte dei casi a Roma o a Milano. Per crescere veramente bene in quest’ambito, devi essere disposta a viaggiare. Puoi anche non essere molto dotata fisicamente, ma devi compensare con il tuo talento ed impegno.

WDM: Quali sono i tuoi sogni per il futuro?

Martina: Da 6 anni frequento una scuola di danza qui a Bolzano e mi auguro anche che un domani la danza posso diventare il mio lavoro. Capisco che essendo disabile, si possa essere scettici sulle mie abilità, ma credo che tutti meritino di poter dimostarare le proprie capacità. Non si può giudicare una persona, senza prima averla messa alla prova.

Speriamo che la storia di Martina vi abbia inspirato. Vi aspettiamo al WDM Italia 2016! Castellana Grotte (Bari), 10-31 Luglio, 2016. Potete partecipare ad una, due o tre settimane dello stage. Per maggiori informazioni visitate WDMItaly.com.

Advertisements

Interview with Luisa Valeriano, winner of the AMDA’s $40,000 Scholarship @ World Dance Movement.

22 Sep

***SCORRERE IN BASSO PER LEGGERE IN ITALIANO***

We had the pleasure to interview Luisa Valeriano, one of our talented Brazilian dancers who participated in both World Dance Movement Spain and Italy 2014.

Luisa was awarded a $10,000 yearly scholarships for AMDA’s Bachelor of Fine Arts Degree in Dance Theatre (4-year course – total scholarship: $40,000) at WDM Spain through an in-person audition.

10711527_685281448207461_374845764_n

WDM: In your opinion why did AMDA award the scholarship to you?

Luisa: I think I was awarded the scholarship because I am kind of different. Coming from another country I have a different mindset and culture that can add something.

Moreover, I don’t have these opportunities where I come from, so that means that I will really take everything seriously and try hard to get as much as I can from this college experience. It’s a great opportunity and I am thrilled.

WDM: How many years have you studied dance and what type of training have you done?

Luisa: I started dancing when I was about five. At the beginning I was only studying classical ballet but when I was 12 I took my first contemporary dance class.

From there I began taking all types of classes, from acrobatics to modern dance and hip-hop, but without stopping my everyday ballet and contemporary classes. I also trained at some summer courses in Australia, New York and at World Dance Movement in Spain and Italy.

10695010_685281444874128_404921705_n

WDM: How do you see the AMDA scholarship awarded at World Dance Movement Spain changing your life?

Luisa: It changed everything! I am moving from the house I lived in for my entire life to live alone in another country, that’s huge! To live somewhere that I can dedicate 24/7 to learn from the best is something I could never imagine, it’s a step closer to my dream.

WDM: How different is the dance world/industry in Brazil compared to the rest of the world?

Luisa: It’s a lot different, Brazil has a really strong and beautiful culture, and that shows in our country’s dance. During Carnival you can see huge samba parades as well as the culture from the favelas and the beautiful dancers of all genres. The problem is that Brazilians don’t have the habit to go theatres to watch dance, so it’s really hard on the industry.

We have really good dancers and companies, but not so much space to grow. Brazil’s dance industry is still under development, compared to the European or U.S.A industry where dance is part of everyday entertainment.

WDM: How was your experience at World Dance Movement Spain and Italy?

Luisa: It was one of the most rewarding experiences I have ever had. The classes are amazing. I had never learned so much in so many different languages! The opportunity WDM gives to young dancers to learn from all these incredible teachers/choreographers from around the globe and to perform on stage is huge! Not to mention all the amazing scholarships which give the dancers even more experiences and career opportunities.

All of that while having fun! The atmosphere of the courses is so friendly; I have made friends for life and even learned some foreign words! I’m telling all my friends that everyone should go to the World Dance Movement workshops. I know I can’t get enough! Next year I’m doing it all again!

10705165_685280534874219_704473634_n

For  information about World Dance Movement Italy 2015, please visit wdmitaly.com  More international workshops will be announced soon.

—————————————————

***ITALIANO***

Abbiamo avuto il piacere di intervistare Luisa Valeriano, una delle bravissime ballerine brasiliane che  ha partecipato al World Dance Movement Spagna e Italia 2014.

Luisa è una delle vincitrici della Borsa di Studio di $10.000 annuli per l’università americana AMDA (Bachelor of Fine Arts Degree in Dance Theatre) al World Dance Movement Spagna. Valore totale della borsa di studio: $40.000)

WDM: Secondo te perchè l’AMDA ti ha scelto per la borsa di studio? 

Luisa: Penso che abbiano scelto me perché ho delle peculiarità. Venendo da un altro paese ho una mentalità ed una cultura diverse che possono aggiungere qualcosa.

Inoltre, nel mio paese non ho opportunità de genere e quindi prenderò questa occasione ancora più seriamente e mi impegnerò al massimo per imparare il più possibile. È un’opportunità straordinaria e sono felicissima.

10699125_685280514874221_1697498681_n

WDM: Quanti anni hai studio danza e che tipo di formation hai ricevuto? 

Luisa: Ho iniziato a ballare quando avevo 5 anni. All’inizio studiavo solo danza classica ma verso i 12 anni ho iniziato a fare anche danza contemporanea.

Da li ho studiato ogni tipo di stile, dalla danza acrobatica alla danza moderna e hip hop ma senza mai smetere di fare danza classica. Ho anche fatto diversi corsi estivi in Australia, New York e al World Dance Movement Spagna e Italia.

WDM: Come pensi che la borsa di studio dell’AMDA ricevuta al WDM Spagna cambierà la tua vita? 

Luisa: Ha già cambia tutto! Sto andando via dalla casa in cui ho vissuto tutta la mia vita per trasferirmi in un altro paese da sola. È un grande passo! Vivere in un luogo che mi permetta di dedicarmi completamente alla mia passione e di imparare da grandi professionisti è qualcosa che non avrei mai pensato possibile. Questa opportunità mi avvicina ancora di più al mio sogno.

1063072_685281451540794_1293923190_n

WDM: Quando è diverso il mondo/l’industria della danza in Brasile rispetto al resto del mondo? 

Luisa: È molto diverso. Il Brasile ha una cultura forte e bellissima e questo si riflette nel mondo della danza. Durante il Carnevale c’è la possibilità di ammirare grandissime sfilate di ballerini di samba e di ogni altro genere. Il problema è che il popolo brasiliano non è abituato ad andare al teatro per vedere uno spettacolo di danza e questo crea grandi problemi per l’industria della danza.

Abbiamo delle buonissime compagnie e ballerini pieni di talento ma non c’è molta possibilità di crescita. L’industria della danza in Brasile è ancora in via di sviluppo, rispetto all’Europa e agli Stati Uniti.

WDM: Come è stata la tua esperienza al World Dance Movement Spagna e Italia?

Luisa: È stata una delle esperienze più gratificanti della mia vita! Le lezioni sono fantastiche. Non ho mai imparato cosí tanto e in cosí tante lingue. L’opportunità offerta dal WDM di imparare da grandi insegnanti e coreografi internazionali e di esibirsi durante l’evento è enorme! Senza considerare tutte le borse di studio offerte ai danzatori per acquisire ancora più esperienza e avere opportunità di lavoro.

E tutto questo mentre ci si diverte! L’atomosfera delle lezioni è super rilassata; ho fatto amicizia con così tanti ballerini da tutto il mondo e ho anche imparato alcune parole in varie lingue straniere. Dico sempre a tutti i miei amici che devono assolutamente partecipare agli stage del World Dance Movement. Per me non è mai abbastanza e sicuramente tornerò il prossimo anno!

Per informazioni sul World Dance Movement Italia 2015, potete visitare wdmitaly.com Altri eventi internazionali saranno annunciati a breve.

Interview with WDM Student Petra Dušková / Intervista con la studentessa del WDM Petra Dušková

29 Oct

***SCORRERE IN BASSO PER LEGGERE IN ITALIANO***

WDM: You have recently moved to NY to start your 2-year Certificate Program at Peridance Capezio Center thanks to the scholarship you were awarded at World Dance Movement Italy this past summer. How are your first days going in the new city and dance program?

Petra: My first days in NY were crazy! Every day something new happened. A lot of stuff to do. Finding an apartment after a few days spent in a hotel, getting a US cell phone number, a credit card, a Metrocard, a library card and so on. I had to get used to use the public transportation system. I had to learn to be responsible and pay rent every week, I had to start meeting new people and get familiar with my new schedule. I had to understand how to do laundry at a store and find the best supermarkets to buy affordable grocery to avoid fast food. Yeah the first month was pretty difficult but extremely exciting. The hardest part for me was SPEAKING ENGLISH!!! 🙂 Luckily for me I knew Gianni Goffredo, another WDM student who was already in NY for my same reason. I’m so grateful for Gianni because he helped me with most of these things….except English! 🙂

I like this city! The life here is so fast, but I feel like I found the right place for me here! I feel free, more like this is the real me so I love it so far!

Photo by marty68.com.  The PACK Dance Company

1236455_331438843658557_1825644094_n

WDM: How did you feel the first day of classes?

Petra: My first week was hard but the dance classes made me feel better! Here dancers are great so you have to give 100% in every class! At the beginning it was dificult to work like that but I was able to adjust pretty fast. We had a party with all the dancers who were in the Certificate Program at Peridance Capezio Center so we had the chance to get to know each other. That helped me a lot even because I had the chance to meet another girl who came from my country.

Acrobatics class at World Dance Movement

391246_3548896476884_562289848_n

WDM: If you hadn’t had the chance to win this scholarship at World Dance Movement what do you think you would have missed as far as your dance experience?

Petra: I would have missed the possibility to improve my dance skills, to grow as a person and I wouldn’t have the chance to live in this wonderful city. There are so many opportunities for dancers here! I would probably never be as happy as I am right now!

Gala Performance at World Dance Movement

1011688_10151717952085351_1520287945_n

WDM: If you had to describe World Dance Movement to someone who has never participated in the event what would you say?

Petra: If you are looking for something more than just dance you should sign up for World Dance Movement! Here I found friends from around the world and they have become my dance family that I can meet every year when I go to WDM and I really love it! WDM is great for your growth as a dancer. All the classes are so inspiring and you can study a variety of dance styles from Theatre Jazz to Lyrical Jazz, Contemporary, Ballet, Acrobatics, Hip Hop, Choreography Workshops and much more. This worshop helps you discover the Dance World!

WDM: In your opinion what was it about you that allowed you to be chosen for this scholarship?

Petra: I hope that I was chosen for my hard work and maybe some talent that is hiding inside but that WDM faculty was still able to see. I think that Igal Perry and Michèle Assaf gave me this possibility to help me discover my talent and use it.

Photo by marty68.com.  The PACK Dance Company

1175033_505863192821194_2024502533_n

WDM: If you could choose one dance company to work for which would it be?

Petra: I don´t have a specific dance company that I would like to work for. But I really want to be a contemporary/contemporary jazz dancer. It would be amazing  to work with Mia Michaels, Stacey Tookey, Sonya Tayeh, Kristin Sudeikis, Shelly Hutchinson or Joshua Pelatzky. But I´m open to every experience!

I would really like to thank World Dance Movement faculty! Thank you Michèle Assaf! Thank you Igal Perry! Thank you to the entire WDM family!

FOR MORE INFO ABOUT WDM WORKSHOPS and COMPETITION PLEASE VISIT OUR WEBSITE.

Photo by marty68.com.  The PACK Dance Company

1209158_505863122821201_19241751_n-1

***ITALIANO***

WDM: Ti sei trasferita di recente a NY per iniziare i 2 anni del Certificate Program al Perodance Capezio Center grazie alla borsa di studio vinta al World Dance Movement Italia la scorsa estate. Come stanno andando i tuoi primi giorni nella città e nella scuola?

Petra: I miei primi giorni in NY sono stati piuttosto caotici. Ogni istante succedeva qualcosa di nuovo, c’erano sempre mille cose da fare. Ad esempio, dopo pochi giorni in hotel dovevo trovare un nuovo appartamento, attivaare un nuovo numero di telefono, una nuova carta di credito, la metrocard e la tessera della libreria. Dovevo capito come muovermi sotto la metro, la direzione che bisognava prendere per arrivare in specifici posti. Ho iniziato a pagare l’affitto settimanale, incontrare nuove persone e avere un nuovo modo di programmare le mie giornate. Dovevo anche capire come funzionava la lavanderia e trovare i posti migliori dove trovare il cibo più economico per evitare di mangiare nei fast food. Si, è stato un mese intenso ma la parte più difficile è stata parlare inglese! 🙂 Per questo sono così grata a Gianni Goffredo, lui mi ha aiutata con tutte queste cose….tranne che con l’inglese! 🙂

Mi piace questa città. La vita è così veloce, eppure sento di aver trovato il mio posto, mi sento più libera, come se questa fosse la vera me.

At World Dance Movement Italy

1234041_10151874232750351_6760618_n

WDM: Come ti sei sentita il primo giorno di lezione?

Petra: La mia prima settimana di lezioni è stata dura, soprattutto perché sono stata malata a causa dell’aria condizionata che in questa città è dappertutto. Fortunatamente, le lezioni mi hanno fatta sentire meglio, anche se i ballerini qui sono eccezionali e per essere alla loro altezza bisogna impegnarsi ogni volta al 100%… Ma in qualche modo ce l’ho fatta.

Ho partecipato ad una festa con tutti i ragazzi che erano nel Certificate Program ed è stato molto carino da parte loro organizzare questo evento per noi nuovi arrivati. Ho conosciuto li una ragazza Ceca, Andrea, che ha reso più facili i miei primi giorni in città. Devo davvero ringraziare tutte le persone che mi hanno aiutato.

WDM: Se non avessi avuto l’opportunità di vincere la borsa di studio del World Dance Movement, cosa pensi avresti perso della tua esperienza nel mondo della danza?

Petra: Sicuramente, avrei perso l’occasione di migliorare nella danza, di crescere come persona e di vivere in questa città meravigliosa. Sono innumerevoli le occasioni che possono presentarsi ad un ballerino qui e probabilmente non sarò mai più felice di come sono in questo momento.

540184_472127562804990_1575287611_n

WDM: Se dovessi descrivere il World Dance Movement a qualcuno che non ha mai partecipato all’evento, cosa diresti?

Petra: Se stai cercando qualcosa di più di un semplice corso di danza, dovresti partecipare al World Dance Movement! Ho conosciuto qui tantissime persone da tutto il mondo e una seconda famiglia che ritrovo tutte le estati in Italia e amo da morire. Questa è un’occasione davvero unica per crescere come ballerino. Ci sono così tante lezioni al WDM dal  Theatre Jazz, Lyrical Jazz, Contemporaneo, Hip Hop, Acrobatica, i Workshop di Coreografia e molto altro! Un aspetto bellissimo di questo evento, è che ti aiuta a scoprire il mondo della danza!

WDM: Qual’è stato, secondo te, il fattore che ti ha permesso di essere scelta per questa borsa di studio?

Petra: Spero di essere stata scelta  per il mio impegno e magari un talento nascosto che gli insegnanti del WDM sono riusciti comunque a vedere. Sia Igal Perry che Michèle Assaf mi hanno aiutato a scoprire il mio talento e ad utilizzarlo al meglio.

1006127_10151717950405351_2095667981_n

WDM: Se dovessi decidere una compagnia di danza in cui lavorare, quale sarebbe?

Petra: Non ho esattamente una compagnia preferita in cui vorrei lavorare, spero però di poter ballare danza contemporanea e jazz. Sarebbe fantastico lavorare con Mia Michaels, Stacey Tookey, Sonya Tayeh, Kristin Sudeikis, Shelly Hutchinson  o Joshua Pelatzky, sono comunque assolutamente aperta a tutte le opportunità che la vita mi presenterà.

Un grandissimo grazie a tutti gli insegnanti del World Dance Movement, Michèle Assaf, Igal Perry, e a tutta la mia famiglia.

PER MAGGIORI INFO SUI WORKSHOP E IL CONCORSO DEL WDM VISITA IL NOSTRO SITO.

Let Gianni tell you how World Dance Movement turns dreams into reality.

25 Sep

***SCORRERE IN BASSO PER LEGGERE IN ITALIANO***

Gianni Goffredo has been participating in  World Dance Movement – The International Workshop every summer since its very beginning in 2009. Observing his growth as a dancer as well as a person is something that makes us extremely proud!

Last year Gianni was awarded a scholarship for a 2-year Certificate Program at Peridance Capezio Center and he moved to NY. Here is a brief interview we did with him. We hope it will inspire you!

558478_10201726913199606_1527805278_n

WDM: How different are you as a person and as a dancer now compared to when you first arrived in NY?

Gianni: Moving to New York is the biggest change I have ever made in my life. I’m honestly having the best time of my life right now! I am a completely different person and dancer…a better one – at least I hope!!! 🙂

The way I dance has completely changed. I come from the ballet world which is very different from what I have been experiencing here. When I first arrived in New York my ballet technique was impeccable because of all the training that I had in the past, but my contemporary technique wasn’t. I worked on it here.

I started using my face, one of the most important things I’ve learned! My expression and my movement have been growing really fast thanks to  the fantastic teachers and people who are around me. I’ve changed as a person as well because of the dancing and the experience in the Big Apple. Being overseas and seeing my family once a year have helped me grow faster and be more responsible.

Click on the image to watch this beautiful Pas De Deux created by Igal Perry for one of the WDM Gala Performances. Dancers: Melania Gamarro and Gianni Goffredo

Screen Shot 2013-09-25 at 2.37.40 PM

WDM: How do you enjoy living in NY?

Gianni: I honestly think that New York is the best city in the world and I really think that I was meant to live here. I remember the first couple of months that I moved here I just couldn’t stop smiling. Such good vibes and energy that allow me to enjoy every single thing and moment of my life. I think I have never been happier in my life.

538774_10200975319250227_2009124630_n

WDM: What is the first place you visited when you arrived in the big Apple?

Gianni: So, I arrived in NY on January 31st at night. On February 1st I had my first class at Peridance at 8.30am and after all the classes of that day (I remember it was very cold outside) I just walked for 8 hours without stoping!!! 🙂

WDM: If you had to describe WDM with 3 words what would they be?

Gianni: World Dance Movement = Magic, Energy, Family

WDM Italy 2011 – Gala Performance

197323_1957039770699_4174348_n

Gianni with Eliana Stragapede rehearsing at World Dance Movement Italy

1016866_10201726913079603_1000611760_n

WDM: If you had to describe WDM to another dancer what would you say?

Gianni: I tell every dancer I meet about WDM! How good and amazing this workshop is. I’ve done a lot of summer classes around Europe but I never had what I found at WDM. That’s why after all these years, I still participate with the same energy and passion I had the first year I joined this workshop. The teachers, all of them, are sensational, they all have so much experience and love. They all give and share everything they have during class. The energy of the students is so powerful. We all share tears, happiness and love. It’s difficult to describe it in words. Every year is full of so many emotions!!!

602075_10200853473284154_1373723500_n

WDM: What are you doing now and what are your plans for the near future?

Gianni: At the moment I’m still in the Certificate Program at Peridance Capezio Center and I am about to start as an apprentice with Peridance Contemporary Dance Company under the direction of the one and only Igal Perry. He’s like a God for me and I will never be able to thank him enough for everything that he has done for me.

*********************

A special thank you to our scholarship sponsor Peridance Capezio Center! Want to know which scholarships you may be awarded at World Dance Movement? Click here.

Click on the image to watch this WDM Italy Gala Performance. Dancers Gianni Goffredo and Adriana Recchia

Screen Shot 2013-09-25 at 4.30.29 PM

***ITALIANO***

Gianni Goffredo ha partecipato al World Dance Movement – The International Workshop ogni estate dal suo esordio nel 2009. Osservare la sua crescita come persona e come ballerino è una cosa che ci rende estremamente fieri!

L’anno scorso Gianni ha vinto una borsa di studio per il Certificate Program di due anni al Peridance Capezio Center e si è trasferito a New York. Vi presentiamo una breve intervista che abbiamo avuto con lui. Speriamo possa ispirarvi!

WDM: Sei cambiato come persona e come ballerino da quando sei arrivato a NY?

Gianni: Trasferirmi a New York è stato il più grande cambiamento che abbia mai fatto. Onestamente sto vivendo il momento migliore della mia vita! Sono una persona ed un ballerino completamente diverso da quando mi sono trasferito qui….migliore, almeno spero! 🙂

Il mio modo di ballare è cambiato totalmente. Vengo dalla danza classica che è un mondo diverso da quello che ho praticato qui. Quando sono arrivato a New York la mia tecnica nella danza classica era impeccabile dato tutto l’allenamento fatto in passato, ma non era lo stesso per quella di danza contemporanea. Ci ho lavorato su qui. Ho iniziato utilizzando lil mio viso, una delle cose più importanti che ho imparato! La mia espressività ed il mio movimento sono cresciuti davvero velocemente grazie ai fantastici insegnanti e alle persone che ho avuto intorno a me.

Sono cambiato anche come persona grazie alla danza e all’esperienza nella Grande Mela. Essere dall’altra parte dell’oceano e vedere la mia famiglia solo una volta all’anno mi ha aiutato a crescere più rapidamente e ad essere più responsabile.

165444_10200940016487680_1467287407_n

WDM: Ti piace vivere a NY?

Gianni: Onestamente penso che New York sia la città migliore del mondo e che io sia nato per vivere qui. Ricordo che i primi mesi che ero qui non potevo smettere di sorridere, ci sono una sorta di vibrazione ed energia nell’aria che mi hanno aiutato a godere di ogni singola cosa e momento della mia vita. Non penso di essere mai stato più felice di così!

375683_10201312652363344_860013102_n

383001_10201034274924082_1488571685_n

WDM: Qual’è il primo posto che hai visitato appena arrivato nella Grande Mela?

Gianni: Allora, sono arrivato a New York la sera del 31 gennaio. L’1 febbraio ho avuto la mia prima lezione alle 8,30 del mattino al Peridance e dopo tutte le lezioni di quel giorno (ricordo che era veramente freddo fuori) mi sono messo a camminare per 8 ore di seguito senza fermarmi! 🙂

WDM: Se dovessi descrivere il WDM con 3 parole quali useresti?

Gianni: World Dance Movement = Magia, Energia, Famiglia.

 WDM Gala Performance. Choreographer: Igal Perry. Dancers: Gianni Goffredo and Melania Gamarro

376916_4521213713445_978771074_n

WDM: Se dovessi descrivere il WDM ad un altro ballerino, cosa gli diresti?

Gianni: Parlo del WDM a tutti i ballerini che incontro! A tutti dico quanto sia bello e divertente. Ho partecipato a tantissimi corsi estivi in tutta Europa ma non ho mai trovato niente di simile! Ecco perché, dopo tutti questi anni, continuo a partecipare con la stessa energia e passione che avevo il primo anno. Gli insegnanti tutti, nessuno escluso, sono sensazionali, hanno tutti un grande baglio di esperienze e amore per la danza. Sanno dare e condividere tutto ciò che hanno durante le lezioni. L’energia dei ragazzi è così potente. Condividiamo tutti lacrime e amore. É difficile descriverlo a parole. Ogni anno è pieno di così tante emozioni!

263996_4608913705890_625100915_n

WDM: Cosa stai facendo adesso e quali sono i tuoi piani per il prossimo futuro?

Gianni: Al momento sono ancora nel Certificate Program al Peridance Capezio Center e sto per iniziare un apprendistato con la Peridance Contemporary Dance Company sotto la direzione dell’unico e solo Igal Perry. Lui è come un dio ai miei occhi e non sarò mai in grado di ringraziarlo abbastanza per tutto quello che ha fatto per me.

*********************

Un ringraziamento speciale al Peridance Capezio Center! Volete sapere quali Borse di Studio potreste vincere al World Dance MovementClicca qui.

%d bloggers like this: