A Magical Night at World Dance Movement Italy 2015.

10 Nov

Scorri verso il basso per leggere in Italiano.

At World Dance Movement Italy 2015 we had the chance to partake in a unique experience that moved us and made us understand even more the real meaning of dance and life. Martina Marcon is one of our most loving students who never misses a WDM class and observes  all the teachers and dancers with undivided attention and passion. Martina wrote us an inspiring letter (you will find an extract below). In the letter she expressed the desire to make dance her career by teaching and choreographing and so we decided to make her dream come true by giving her the opportunity to be on the stage and choreograph a pas de deux for two of our WDM dancers.

12025422_10201062170553968_746646652_n

Below you can read an extract from Martina’s letter. She explains what Dance means to her, but we think that her words are much more. They can be consider a true Dance Manifesto.

When I see someone dancing, I feel like I’m standing.

Dance is my life, because it is the only thing that makes me feel “normal”, like everybody else. My passion for dance was born in 2002 while watching an Italian TV show called “Amici di Maria De Filippi”. I could teach dance to dancers 13+. I cant teach younger dancers because I can’t demonstrate the steps, but I can talk to older dancers who are more familiar with the names of the steps and technique.

I love all dance styles, but ballet is my favorite. This dance style “makes my body free” and expresses everything I feel. I’ve been attending classes at a dance studio in Bolzano since 2009, my teachers Elisa and Anita are an example to me. Before I had to travel out of town to participate in a class and I couldn’t go very often, but now I get the chance to go three times per week. They don’t realize how much this means to me. I didn’t think I could be accepted so well in a dance studio because it is rare that a disabled person loves dance.

Dance is like air to me, like a drug, I can’t be without it. It’s the only thing that gives meaning to my life. If God told me: “You will be able to walk, but you can’t dance” I will answer: “No thanks, then I don’t need it.” I would only want to walk to dance, otherwise it’s ok to be like I am now. I get so annoyed when I see dancers who don’t put effort in what they do because I would give everything to use what God gave me if I was them. I would like them to realize that there are people like me who would like to dance but they can’t!

For those who were not there we are excited to show you a video of that special evening. You can also find our interview with Martina below. Enjoy!

Click on the image to watch the video.

Screen Shot 2015-11-10 at 11.54.11 AM

WDM: This year you had the opportunity to choreograph a piece for one of the WDM Italy Gala Performances. Tell us about this experience. 

Martina: The experience as a choreographer was beautiful. It was my first time, but I was not afraid. I felt like I always did that. I can not describe the emotion I felt when I was asked to do create a piece for the show. I accepted without even thinking about it for one second. The only difficulties that I encountered were: playing the music and communicating clearly with the dancers due to the fact that my speaking is not  fluid, but Patrizia Cribiori (WDM Dance Shop’s owner) assisted me with those issues. I also had some problems with one of the lifts that the dancers had to perform because I did not know how to explain to them how to perform it in a simple way, but with the help of Michèle Assaf I did. However, I did not want Michèle to see the piece before the show because I wanted it to be a surprise. At the end of the performance all the teachers complimented me. The fact that people with 30 years of career in the dance field recognized my work was extremely important for me.

WDM: You also had the chance to be one of the protagonists on the stage during one of the WDM Italy Gala Performances. How did it feel being on the stage? 

Martina: Dancing on the stage was amazing, even if it wasn’t my first time. It was a big emotion and I was honored. I was a little shaky because I didn’t want to disappoint anyone but at the end I was happy to see that they all appreciated what I did. I am very critical of myself when dancing even if I have physical limitations. I wish the audience could see me simply as a dancer, but I know it is difficult to see beyond my disability. Fortunately some people are able to see what I can do without worrying about my difficulties.

WDM: How would you describe WDM Italy to a dancer who has never participated in one of our events?

Martina: I have been in love with dance for 13 years. I participated in many workshops, but given the high level of the teachers and dancers, World Dance Movement is one of the few that I really think can help shape professional dancers. The workshop lasts three weeks, the faculty members expect much from the dancers because at the end of each week there is a performance. Dancers have to remember many pieces and it is an experience that demands hard work.  I have never seen a workshop that awards so many dance scholarships. WDM helps you transition to the professional dance world.  One of the things that makes WDM special, is the fact that the majority of dancers and faculty members stay at the same hotel. This allows the students to interact with the teachers, connect and network.

WDM: What piece of advice would you give to a student who would like to become a professional in the dance world? 

Martina: If you are trying to become a professional dancers, besides having the physical qualities that are generally required, you need to use your brain. Dancers that don’t use their head won’t be able to survive in the professional world. In Italy there are not many dance jobs and the majority are in Rome and Milan, so if you want to grow in this industry you need to be willing to travel. You might not have all the physical qualities; but you need to be able to compensate with your talent and hard work.

WDM: Tell us your dreams for the future.

Martina: I have been studying dance in a studio in Bolzano for 6 years and I hope that I will able to work in the dance industry one day. I understand that my disability might make people doubt about my capabilities, but I think that everyone deserves to have the possibility to show what they can do. You can’t judge a person before putting them to the test.

We hope you are inspired by Martina as much as we are. We can’t wait to dance with you at WDM Italia 2016! Castellana Grotte (Bari), July 10-31, 2016. You can choose one, two or three weeks. For more info please visit WDMItaly.com.

——————————————————–

ITALIANO

Al World Dance Movement Italia 2015 abbiamo avuto la possibilità di vivere un’esperienza unica che ci ha emozionato e fatto comprendere ancora di più il vero significato della danza e della vita. Martina Marcon è una delle nostre studentesse più affezionate. Non perde mai una lezione del WDM osservando con attenzione e passione ogni insegnante e danzatore. Durante la scorsa edizione del World Dance Movement Italia Martina ci scrisse una bellissima lettera (potrete leggere un breve estratto di seguito) in cui, tra le molte cose, ci espresse il desiderio di fare della danza la sua carriera insegnando e coreografando. Per questo motivo abbiamo voluto esaudire il suo desiderio dandole la possibilità di essere sul palco ma anche di coreografare un passo a due per dei danzatori del WDM.

Questo è un piccolo estratto dalla lettera. Martina spiega cosa la Danza rappresenta per lei, ma noi pensiamo che le sue parole abbiano un significato molto più profondo e che possano essere considerate un vero e proprio Manifesto della Danza.

Quando vedo danzare, mi sento in piedi

La danza è la mia vita, perché è l’unica cosa che riesce a farmi sentire “normale”, come tutti i miei coetanei. Questa passione per la danza è nata nel 2002 guardando la trasmissione “Amici di Maria De Filippi”. Vedendo Rossella Brescia sono rimasta impressionata dalla sua bravura. Nel 2004 ho avuto la fortuna di incontrarla. Potrei insegnare danza agli allievi dai 13 anni in su. A quelli più piccoli, non posso farlo, perché purtroppo sono impossibilitata a dimostrare le coreografie, ma a quelli più grandi basta solo che tu dica loro i nomi dei passi da eseguire e che gli vengano fatte eventuali correzioni.

Amo tutta la danza, ma lo stile che mi emoziona di più è la danza classica. Questo stile “libera“  il mio corpo ed esprime tutto ciò che provo. Dal 2009 frequento una scuola a Bolzano, le mie insegnanti Elisa ed Anita sono diventate un grandissimo punto di riferimento. Elisa insegna danza contemporanea ed è anche la direttrice della scuola ed Anita, insegna danza classica. Mi hanno dato la vita per la seconda volta, perché, prima per assistere alle lezioni di danza dovevo andare fuori città, quindi, andavo poco, mentre adesso vado 3 volte alla settimana. Non si rendono conto di quanto sia fondamentale. Non pensavo di essere accettata così bene in una scuola di ballo, perché, è raro che una persona disabile dalla nascita, ami la danza.

La danza è come l’aria, come una droga, quando non ce l’ho sto male. È l’unica cosa che dà un senso alla mia vita. Se Dio mi dicesse: “Ti faccio camminare, ma non potrai ballare”, gli risponderei: “No grazie, allora non mi serve.” Camminare mi servirebbe soltanto per poi poter ballare, altrimenti tanto vale rimanere così come sono. Mi dà molto fastidio quando vedo allievi che non si impegnano perché io farei di tutto per sfruttare le possibilità che Dio mi ha dato. Vorrei far capire a tutti questi ragazzi che c’è gente che come me vorrebbe farlo, ma non può!

Per coloro che non erano presenti abbiamo il piacere di presentarvi il video della serata e subito dopo la nostra intervista con Martina.

Clicca sull’immagine per visualizzare il video.

Screen Shot 2015-11-10 at 11.54.11 AM

WDM: Quest’anno ti è stata data la possibilità di coreografare un pezzo per uno degli spettacoli di gala del WDM Italia. Com’è stata questa esperienza?

Martina: L’esperienza come coreografa è stata bellissima. Era la mia prima volta, ma non ho avuto paura. Mi sembrava di averlo sempre fatto. Non so descrivere l’emozione che ho provato quando Michele me l’ha proposto. Ho accettato senza pensarci neanche un secondo. Le uniche difficoltà che ho trovato nel coreografare sono state: far partire la musica autonomamente ed il farmi capire dato che non ho un linguaggio fluido, ma per questo mi sono fatta aiutare da Patrizia Cribiori. Ho anche avuto difficoltà con una presa, perché non sapevo come spiegare ai ballerini quali erano i vari passaggi per farla al meglio, ma con l’aiuto di Michèle Assaf ce l’ho fatta. Non ho voluto che Michèle vedesse le prove prima dello spettacolo perché doveva essere una sopresa. Alla fine della performance gli insegnanti mi hanno riempita di complimenti. Per me è un grande orgoglio che delle persone con 30 anni di carriera in questo campo, mi abbiano fatto così tanti elogi alla mia prima esperienza. Il pensiero delle persone incompetenti per me conta poco, anche se mi fa piacere ascoltare la loro opinione. Per accrescere le mie competenze nella danza, ho bisogno del giudizio delle persone che lavorano in questo ambito.

WDM: Nello stesso spettacolo sei stata anche la protagonista in una delle coreografie presentate durante uno degli spettacoli di Gala. Cosa hai provato ad essere sul palco?

Martina: Ballare sul palco è stata un’emozione forte, anche se non era la mia prima volta. Per fortuna ho avuto altre possibilità di potermi esibire sul palcoscenico, ma è stata comunque una stupenda emozione, perché stimo molto Michèle ed avere ballato una coreografia sua è stato un grande onore. Ero agitata per la mia performance, invece, per la coreografia montata da me ero sicura del lavoro che avevo fatto. Mi sentivo in dovere di ballarla al meglio e non mi sarei mai perdonata se le avessi fatto fare una brutta figura. Per fortuna alla fine dello spettacolo, ho potuto constatare di averla resa felice anche ballando. Sono molto autocritica quando danzo, nonostante le mie capacità motorie siano limitate. Vorrei che il pubblico mi vedesse come una ballerina normodotata, anche se purtroppo per gli spettatatori è difficile andare oltre l’apparenza.

WDM: Se dovessi descrivere il WDM Italia ad un danzatore che non ha mai partecipato allo stage, cosa gli diresti?

Martina: Sono 13 anni che amo la danza e ho frequentato molti stage, ma il World Dance Movement dato l’alto livello degli insegnanti e degli allievi, è uno dei pochi che ritengo in grado di formare in maniera ottimale i ballerini. Il Workshop dura tre settimane, i coreografi si aspettano molto dagli allievi perchè ogni fine settimana c’è uno spettacolo. Devi avere memoria ed impegnarti molto se vuoi fare questa esperienza. Non ho mai visto uno stage che offre così tante borse di studio prestigiose. Se sei veramente meritevole, ti aiuta a far si che la danza diventi un lavoro. La cosa più bella per quanto mi riguarda è che la maggior parte degli allievi alloggia nello stesso albergo degli insegnati, quindi la sera ci si può fermare a parlare con loro.

WDM: Se dovessi dare un consiglio ad un/una ragazzo/a che sta cercando di diventare un professionista nell’ambito della danza, cosa gli/le diresti?

Martina: Se stai cercando di far diventare la tua passione per la danza il tuo lavoro, oltre ad essere dotata fisicamente, devi anche saper usare il cervello. Una ballerina che non usa la testa, non potrà mai diventare una professionista. In Italia lavoro ce n’è poco ed è nella maggior parte dei casi a Roma o a Milano. Per crescere veramente bene in quest’ambito, devi essere disposta a viaggiare. Puoi anche non essere molto dotata fisicamente, ma devi compensare con il tuo talento ed impegno.

WDM: Quali sono i tuoi sogni per il futuro?

Martina: Da 6 anni frequento una scuola di danza qui a Bolzano e mi auguro anche che un domani la danza posso diventare il mio lavoro. Capisco che essendo disabile, si possa essere scettici sulle mie abilità, ma credo che tutti meritino di poter dimostarare le proprie capacità. Non si può giudicare una persona, senza prima averla messa alla prova.

Speriamo che la storia di Martina vi abbia inspirato. Vi aspettiamo al WDM Italia 2016! Castellana Grotte (Bari), 10-31 Luglio, 2016. Potete partecipare ad una, due o tre settimane dello stage. Per maggiori informazioni visitate WDMItaly.com.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: